BUZIOS

La prima tappa del viaggio in Brasile con mia sorella Fabrizia e i miei genitori è stata Buzios, piccola località balneare situata a circa due ore e mezza di macchina da Rio de Janeiro.

Qualcuno la paragona a Capri o a Saint-Tropez e in effetti l’atmosfera che si respira è proprio quella modaiola di questi luoghi cult: negozietti e ristorantini ovunque, al centro della città e sul lungo mare, terrazze dove si può godere di un fantastico tramonto, discoteche, localini e baretti rendono Buzios il posto ideale per famiglie, ma anche per ragazzi.

Tante e belle le spiagge, io sono riuscita a visitare Praya de Tortuga ma consigliato è anche il lido Sol de Tartaruga, Arraial do Capo, situata a 1 ora di macchina, con spiaggie bianche e mare limpido.

Bene, fatte le illustrazioni di rito, andiamo al sodo: il cibo!

Da provare assolutamente sono: il pan de quejo ,l acai e il dulche de leche , molto buono e sfizioso è il formaggio sulla piastra che servono in spiaggia al momento e tutte le prelibate particolarità che spesso (quasi ogni 5 minuti) propongono in riva al mare. Il mio consiglio qual è? assaggiare tutto come ho fatto io perché ogni lasciato e perso!

Ristornati buoni sono: Bar do Zè sul lungo mare, 74 Restaurant dove si può godere di una bellissima vista sul mare e il cibo è di ottima qualità, ma il più bello e senza dubbio il Mistico. Consiglio di andarci con il tramonto è un posto pazzesco e si mangia divinamente bene!

RIO DE JANEIRO

Arrivati a Rio per trascorrere il capodanno, immediatamente si percepisce la differenza: caotica e dinamica rispetto alla placida e tranquilla isola di Buzios.

 

Ciò che immediatamente colpisce di questa città è la ricchezza di contraddizioni: ricchissimi e poverissimi; mare e montagne; giungla e spiagge infinite.

I luoghi più famosi della città sono le famose spiagge di Copacabana e Ipanema, si può ammirare l’immensità dell’oceano da un lato dell’immenso golfo e i grattacieli degli hotel dall’altra.

Copacabana è la spiaggia più famosa al mondo e anche quella con più gente e attività che si svolgono tutto il giorno, dalla mattina presto alla notte inclusa.

Impossibile non visitare il Cristo Redentor situato in cima al Corcovado dal quale si può godere di una vista sensazionali e scattare la foto profilo del secolo ;)! Anche il Pan di Zucchero è una delle attrazioni celebri di Rio: si arriva con la funivia e anche li il panorama non è niente male! Consiglio anche un giro alle Favelas, io sono stata a Rocinha la più popolata del Brasile, è un’esperienza molto intensa e che resterà sicuramente tra le esperienze più significative di questo viaggio.

Il 31 dicembre, come da tradizione, a Rio bisogna vestirsi tutti di bianco: l’usanza arriva dall’Africa ed è stata adottata nei secoli scorsi dai seguaci delle religioni afro-brasiliane. Il bianco, nella tradizione, rappresenta la pace e la purificazione. I devoti del candomblé utilizzavano questo colore quando, per primi, iniziarono a radunarsi presso la spiaggia di Copacabana per depositare dei fiori in acqua e rendere così omaggio a Iemanjá, regina dei mari.

Il cenone lo abbiamo fatto a Copacabana Palace, un posto da sogno, uno degli hotel più belli e celebri del mondo.

Abbiamo festeggiato la mezzanotte in terrazza, eravamo in tantissimi e il momento dei fuochi è stato davvero fantastico, non ho mai visto una cosa cosi bella.

Dopo le prime bottiglie stappate in famiglia e tra amici, siamo scesi tra la folla e abbiamo vissuto i festeggiamenti in perfetto stile brasiliano.

Dove mangiare? Provo a sintetizzare:

Marius: una churrascheria di carne e pesce. Qui non ordini, non esiste il menù. C’è un buffet dove si può prendere l’antipasto. Subito dopo, passano i camerieri con differenti tipi di carne e di pesce. La location è indescrivibile, la parte più figa e originale? Il bagno!

Satyricon: ristorante italiano, pesce molto buono, menù particolare. Da provare.

Sushi Leblon: è il sushi più famoso di Rio, location e ambiente “pettinato” situato a Leblon, si incontra una clientela elegante e raffinata. Il sushi è ottimo.— 

Post raccomandati

Non c'è ancora nessun commento, aggiungi la tua qui sotto!


Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *